Cart 0
30

TUTTO IL NOSTRO SANGUE , ,

Riuscire a fondere generi diversi mantenendo equilibrio, credibilità ed emozione deve essere complicatissimo, ma Sara Taylor ci riesce, e anche molto bene.

In “Tutto il nostro sangue”  ci sono il romanzo familiare, la fiaba, l’horror, il noir e tutto convive benissimo, facendoci viaggiare in due secoli di storia (e quasi fantascienza) senza mai provocare cali di pathos e tensione.

 

Una genealogia di personaggi, in gran parte femminili, che prende avvio da Medora e si snoda in tante piccole vicende personali, tenere, emozionanti, crude, drammatiche, che compongono un quadro provinciale ma paradossalmente universale. La famiglia è un elemento centrale, così come la ricerca spasmodica di figure di riferimento che continuano a tradire o a venire meno, in un susseguirsi di fallimenti e resurrezioni che altro non è che la vita di ogni uomo.

Tutto si svolge nelle Shore, un arcipelago a largo delle coste della Virginia, teatro perfetto perché staccato dal resto del mondo pur essendo vicinissimo ad esso, luogo di rifugio, fuga o prigione, che fa emergere ancora più chiaramente e prepotentemente la lotta quotidiana di queste donne contro le difficoltà e le violenze di una società che le limita a ruoli spesso degradanti o insignificanti.

La speranza e la luce però non sono completamente svanite e ci sorprenderanno spuntando fuori in un futuro apocalittico che forse però è in grado di restituire all’umanità un’occasione di rinascita.

VOTO 30 FERMATE: Un libro impegnativo, che richiede la giusta attenzione nel seguire il filo degli eventi e delle singole storie. Il coinvolgimento però è davvero grande, così come la sorpresa in alcuni momenti e la commozione in molti altri.

CITAZIONE: “Mamma ci portava in biblioteca ogni martedì. Ad aspettarci, subito dopo, c’erano dei panini e un thermos di tè freddo. Non appena rientravamo a casa, preparavamo una postazione con cuscini e coperte nella nostra camera, poi ci rannicchiavamo lì dentro a leggere i nostri libri per tutto il pomeriggio , fino a quando Renee non si addormentava. Poi mamma e io sedevamo sul suo letto e lei mi leggeva i libri che mi piacevano e che Renee non era abbastanza grande per ascoltare, e mi permetteva di farle la treccia ai capelli. Erano davvero molto lunghi, le arrivavano fino ai pantaloni, e così crespi che non c’era bisogno di usare nulla per fissare le trecce che le facevo.”

Flavia Capone

Anno

2016

Casa Editrice

Minimum Fax

Pagine

300

Be the first to review “TUTTO IL NOSTRO SANGUE”