LA CARNE , , , , ,

Un futuro (o presente?) sconosciuto, uno strano morbo che rende affamati oltre ogni misura e interessati a null’altro che la carne: sembrerebbe l’incipit di uno dei soliti romanzi sugli zombie, ma il libro di Cristò è ben diverso. La componente del terrore e della paura è presente ma non invasiva: il sentimento prevalente è la tristezza, una malinconica ansia espressa attraverso occhi, parole e gesti dell’anziano protagonista, per il quale il mondo è sempre uguale eppure profondamente diverso.

 

I piani del passato e del presente si fondono e sovrappongono, tanto da non avere distinzioni nemmeno visive nel testo; siamo continuamente trasportati avanti e indietro nel tempo, viaggiamo nelle teste dei vari personaggi e misuriamo questo mondo apocalittico ad ogni parola con un’emozione diversa.

E c’è anche l’amore, un amore che tenta disperatamente di mantenere una parvenza di normalità nonostante di normale non ci sia più nulla.

Un modo nuovo per raccontare un’apocalisse zombie: per un po’ possiamo mettere a riposo gli effetti speciali e la plastica, e tornare a parlare solo di “carne”.

VOTO 20 FERMATE: Un libro scorrevole e coinvolgente, si adatta alla lettura in mobilità. Attenti al percorso che state facendo: potreste saltare qualche fermata per mantenere inalterata la suspense!

CITAZIONE: “La loro stessa esistenza è un paradosso, la loro apparente immortalità è un problema e fa paura. Però non credo che alla fine ci sarà un ultimo uomo sulla terra barricato in casa con un vinile di Beethoven sparato a tutto volume e un laboratorio in cui studia il modo di salvare l’umanità. Non credo che la storia degli zombi finirà così. Non credo che finirà in alcun modo. Non finirà.”

 

Flavia Capone

Anno

Casa Editrice

Pagine