L’acqua del lago non è mai dolce | Intervista a Giulia Caminito 9 Febbraio 2021 – Posted in: Interviste

“L’acqua del lago non è mai dolce”, pubblicato da Bompiani, è il nuovo romanzo di Giulia Caminito, scrittrice già molto amata e a sua volta appassionata studiosa delle scrittrici del ‘900. Il libro racconta la storia di Gaia dall’infanzia agli anni post-universitari: una storia di “non formazione” nella quale la protagonista cerca affannosamente un ruolo, un posto nel mondo, scontrandosi con le difficoltà poste dalle sue umili origini, da una madre forte e molto autoritaria, dalla propria anima tormentata e in preda ad una rabbia sorda e continua.

“Gaia è una persona opaca, complessa e autodistruttiva.” “Per me è stato molto liberatorio scriverla, ma la cosa che più mi colpisce è quanto sia liberatorio per le persone leggerla.”

“Una delle prime cose che ho imparato quando sono arrivata è stata questa: alle papere ti puoi avvicinare senza pensieri, ai cigni no. I cigni beccano sul dorso le nutrie e le rincorrono nell’acqua aprendo le ali, i cigni non fanno differenza tra bambine e donne adulte, se ti prendono in antipatia sono pronti a ferirti. Io sono stata un cigno, mi hanno portata da fuori, mi sono voluta accomodare a forza, e poi ho molestato, scalciato e fatto bagarre anche contro chi s’avvicinava con il suo tozzo di pane duro, la sua elemosina d’amore.” “L’acqua del lago non è mai dolce” Giulia Caminito

Ne abbiamo parlato con Giulia Caminito durante la puntata del 3 febbraio di Letture Metropolitane su Radio Elettrica: