Cart 0

PIU’ PICCOLO E’ IL PAESE, PIU’ GRANDI SONO I PECCATI , , , ,

La gente non sta bene, proprio per niente. Questo ho pensato mentre leggevo il romanzo di Davide Bacchilega: un giallo-noir che tira fuori il marcio della provincia romagnola, quello che di criminale e morboso si nasconde tra piadine e sangiovese.

Ma la cronaca nera piace, e molto: lo sa bene Michele il giornalista, uno dei protagonisti di questa storia raccontata dal punto di vista di tanti occhi e di tante voci; per lui lo scoop è fondamentale, quasi una ragione di vita che riesce a mettere in ombra tutto il resto. E quando ci sono di mezzo lettere anonime e omicidi efferati è facile decidere di trasformarsi da redattore ad investigatore.

 

Bacchilega cambia tono e forma adattandosi a tutti i personaggi, che si alternano e collegano i vari capitoli, riuscendo a rendere la storia talmente ricca da sembrare uno spettacolo teatrale o meglio ancora (anche se forse è un termine obsoleto) un radiodramma.

Si finisce per affezionarsi quasi a tutti, dalle escort di alto bordo al tanatoprattore problematico che sogna i quiz televisivi, e il continuo cambio di prospettiva tiene incollati alle pagine.

Finale inaspettato (proprio da esclamare “ma va?!”) e tensione ci sono, quindi gli amanti del genere sono sicuramente accontentati; un pizzico di ironia e la buona scrittura fanno il resto.

VOTO 30 FERMATE: Libro molto scorrevole, quasi difficile da interrompere; questo lo rende adatto ai viaggi di media lunghezza, per evitare l’effetto “Cacchio l’ho appena aperto e già devo scendere!”.

CITAZIONE:Per una come me valere qualcosa agli occhi di qualcuno si è rivelato sempre impossibile. Nessuno mai mi ha dato un bacio, uno solo, per affetto. Una carezza, per tenerezza. Un abbraccio, per conforto. Un pizzicotto, per scherzo. Voglio dire, nessuno mai mi ha presa per mano in una strada affollata, il sabato pomeriggio, guardando le vetrine dei negozi. Non che me ne importasse. Di sentimenti non ne volevo sentire parlare. Ma le cose cambiano veloci, a volte, soprattutto quando arrivano persone nuove che proprio non te le aspetti così nuove, e non ti aspetti che al mondo ne esistano così, di persone.”

Flavia Capone

Casa Editrice

Las Vegas Edizioni

Anno

2016

Pagine

303

Be the first to review “PIU’ PICCOLO E’ IL PAESE, PIU’ GRANDI SONO I PECCATI”