Cart 0

LA TERZA NOTTE DI VALPURGA , , , ,

La notte di Valpurga solitamente richiama nella memoria una scena del Faust di Goethe o la notte delle streghe di inizio primavera, ma può anche rappresentare una delle critiche più argute, complete e sferzanti che siano mai state fatte al regime nazista in Germania.  La terza notte di Valpurga è una condanna della dittatura, del nazionalsocialismo e più in generale della violenza dell’uomo. Il libro di Kraus andrebbe letto, analizzato e compreso con molta attenzione perché nonostante siano passati ottant’anni ha ancora qualcosa da insegnarci e da dirci.

 

Karl Kraus, giornalista e scrittore austriaco ed ebreo, nel 1933 inizia a scrivere critiche e riflessioni sul regime nazionalsocialista, sui suoi gerarchi, sulla sua ideologia. Ne nasce La terza notte di Valpurga, ovvero una feroce critica a Hitler e al suo regime. Alternando episodi a lui contemporanei, teorie naziste e ragionamenti filosofici, Kraus riesce a smontare, e in alcuni casi ridicolizzare, tanti aspetti del nazismo e della sua ideologia, evidenziandone banalità, contraddizioni, crudeltà e pericolosità. Tutto il testo è scritto con una capacità di espressione e di pensiero notevoli, in grado di colpire sempre l’obiettivo con grande verve e abilità linguistica. Kraus già nel ‘33 denuncia la persecuzione degli ebrei (“Crepa giudeo!”) e la violenza nazista verso gli oppositori; si chiede malinconicamente come il popolo tedesco creda alle promesse di Hitler, come si sia arrivato a questo punto: “Chi mai si affiderebbe a un Fuhrer?”.
La terza notte di Valpurga non fu mai pubblicato dallo scrittore e uscì postumo solamente nel 1952. In molti si chiedono se una sua pubblicazione durante gli anni Trenta non avrebbe portato alla luce tutta la pericolosità del nazismo e non avrebbe in qualche modo cambiato il corso degli eventi.

VOTO 40 FERMATE: Se il viaggio necessita di una lettura impegnata e profonda, la terza notte di Valpurga si candida ad essere la soluzione ideale.  Non si pensi di leggere questo libro a cuor leggero o distraendosi al minimo rumore: la Valpurga di Kraus richiede concentrazione e costanza. L’impegno sarà tuttavia premiato con una lettura brillante ed esaustiva.

CITAZIONE: Su Hitler non mi viene in mente niente. Sono consapevole di essere rimasto con questo risultato, frutto di tanto pensare e di tanti tentativi di comprendere gli eventi e la loro forza motrice, molto al di sotto delle aspettative. […]Ma ci sono dei mail di fronte ai quali il cervello che sta dentro la testa e ha la sua parte in tali azioni, si considera incapace di qualsivoglia pensiero.

Alessandro Luciani

Casa Editrice

Edizioni Clichy

Anno

2016

Pagine

448

Be the first to review “LA TERZA NOTTE DI VALPURGA”