Cart 0

ALLA PARI , ,

Ho sempre pensato che fare un’esperienza come ragazza alla pari all’estero fosse quantomeno affascinante: entrare in punta di piedi in un’altra famiglia, osservarne usi, costumi, relazioni, emozioni, vivere per un po’ di tempo da ospite in una realtà diversa ed entrare a farne parte giorno dopo giorno.

Questo è quello che accade ad Alice, ragazzetta americana, verace e semplice come solo gli americani sanno essere, che si trova catapultata nell’universo dei Ranieri, una famiglia milanese a dir poco variegata, nella quale ritroviamo alcuni caratteri tipici di tutte le famiglie: la madre precisetta ossessionata dal lavoro, il padre svagato e fantasioso, la figlia adolescente problematica, il figlio di mezzo stranamente equilibrato e lucido per la sua età e il piccolo di casa pieno di infantili follie.

 

Leggendo questo libro della De Lillo (già fiera proprietaria dello splendido e divertentissimo blog nonsolomamma) seguiamo i mesi italiani di Alice come fossimo accanto a lei (la struttura epistolare ci aiuta: tutto è ricostruito attraverso le email che la ragazza invia a familiari e amici), ci sentiamo insicuri come lei all’inizio, quando tutto è nuovo e incerto, ed impariamo ad affezionarci alla sua famiglia acquisita e agli strampalati personaggi che incontra.

I personaggi sono il punto forte del romanzo: molto ben caratterizzati e descritti, emergono prepotentemente dalla trama, che è abbastanza semplice, e costruiscono un micro-mondo nel quale ci si sente davvero a proprio agio. Una nota di merito in particolare a Matteo, il piccolo della famiglia Ranieri, che gira mascherato in base all’umore del giorno, fa lunghi discorsi con il suo amico immaginario Gogolagno (storpiatura del più noto supereroe aracnide) e fa la cacca completamente nudo perché si sente più a suo agio; da non sottovalutare anche il Circolo dell’Amicizia, che raccoglie alcune amiche che Alice conosce a Milano, tutte straniere e accomunate dalla passione per autocoscienza, sesso tantrico, femminismo e cupcake.

“Alla pari” è però soprattutto il viaggio di Alice, dalla patria a stelle e strisce all’Italia, che cambierà il suo punto di vista sulle cose e le farà capire  che siamo noi stessi artefici della nostra vita e le soprese sono nascoste dietro ogni angolo, per quanto buio e pericoloso ci possa sembrare.

VOTO 10 FERMATE: Un libro comodo, confortevole: ci si appassiona poco a poco, quando arriverete alla fine Alice sarà diventata un’amica e non avrete neanche avuto il tempo di rendervene conto.

CITAZIONE: “Matteo, con gli occhialini della piscina indosso, camminava tenendomi per mano e cantando a squarciagola “I am a sex machine”. Si lo so, totalmente inappropriato per un bambino di tre anni ma Tommaso ed Emma, qualche giorni fa, gli hanno creato una playlist di musica solo sua e  ci hanno messo canzoni tremende e inadatte che lui adfora, tra cui Sexy and i know it e I am sexy and hot, che, cantate ed interpretate da lui, preferibilmente con la maschera e gli occhialini, sono esilaranti.”

Flavia Capone

Anno

2016

Casa Editrice

Einaudi

Pagine

248

Be the first to review “ALLA PARI”